28/12/08

uqbar. media art culture nello spazio +Blog alla "VII fiera della piccola e media editoria"


Presentazione di uqbar. media art culture nello spazio +Blog alla "VII fiera della piccola e media editoria" Roma, Palazzo delle esposizioni EUR, 8 dic 2008. interventi di Paolo valente , Rosanna Galvani, Mario savini, Patrick MOYA.

Read More...

Fabio Fornasari (Asian Lednev). La mostra "Rinascimento virtuale"

video contributo presentato in occasione di "week Roma design+". Seminario - New media design_Comunicazione vs interazione - a cura di Paolo Valente in collaborazione con uqbar.media art culture. Roma. 11.12.08


Find more videos like this on uqbar. media art culture

Read More...

Mario Savini. ubiquitous city

video contributo presentato in occasione di "week Roma design+". Seminario - New media design_Comunicazione vs interazione - a cura di Paolo Valente in collaborazione con uqbar.media art culture. Roma. 11.12.08


Find more videos like this on uqbar. media art culture

www.ubiquitouscity.net
www.songdo.com

Read More...

Domenico Modugno

Read More...

25/12/08

Giorgio Gaber - Non insegnate ai bambini

Read More...

Giorgio Gaber - Se ci fosse un uomo

AUGURI DI BUONE FESTE !
e anche altro...

Read More...

10/12/08

GLOBAL ART. Derrick de Kerckhove - questions



“Nel 1957, scrisse McLuhan, con lo Sputnik l’uomo ha racchiuso il mondo naturale in un contenitore e ha fatto della Terra un’opera d’arte”.L'orbita del satellite, che ci contiene tutti, estende l’essere umano nello spazio. Ricchi o poveri, viviamo la globalizzazione e ne siamo parte attraverso i telefoni cellulari ed i satelliti.Già da tempo, molte opere d'arte, con o senza l'ausilio delle nuove tecnologie, riflettono questa nuova dimensione del nostro essere. L’arte globale esprime una sensibilità nuova in cui identità, intelligenze e presenze di spirito sono interconnesse, distribuite e multiple.L’incontro tra quattro città sarà l’occasione per riflettere insieme sulle implicazioni teoriche e pratiche dell’arte globale e per interrogarsi sull’influenza che la condizione globale ha sull’arte e sulla rappresentazione del mondo.

Vorrei suggerire che questa discussione fosse guidata da alcune domande.

1) RAPPRESENTAZIONE: Che influenza ha la globalizzazione sull’arte e sulle rappresentazioni del mondo?
2) CONCETTO EMERGENTE: Questa integrazione di arte nella globalizzazione attraverso i networks sta producendo un nuovo genere di espressione artistica? Può essere denominato Global Art?
3) SENSIBILITÀ CONTEMPORANEA: È questa emergente arte globale l'espressione artistica che riflette la sensibilità di una società contemporanea collegata globalmente ? È l'arte globale una conseguenza dei cambiamenti tecnologici o dei germogli del desiderio sociale per un nuovo genere di sensibilità in cui l'identità, l'intelligenza e la coscienza sono connettive, distribuite ed estese?
4) GLOBAL-GLOCAL: Come l'arte globale si riferisce alle realtà Glocal? Un’opera d’arte fisicamente situata è un tipo di arte Glocal nel contesto dell’arte Globale?
5) STRATEGIE ARTISTICHE: quali sono le strategie artistiche adottate, come è prodotto il loro significato? Dal basso? Dall'alto in basso? Entrambi?
6) RUOLO DELLO SPETTATORE: È ancora possibile per parlare di spettatore? o lo spettatore si è trasformato in un co-autore nell'arte globale? È l'arte globale la prossima fase della net art, una sorta di estensione della net art all’interno del lato analogico della realtà?
7) RUOLO DELL’AUTORE : cosa sarà la figura dell’autore nell'arte globale? È un genere di complessa co-creazione che riflette le caratteristiche stesse dell’ interazione che viene dal Web 2.0?
8) CARATTERISTICHE DELL’ARTE GLOBALE: Come è il genere di spazio, di tempo, di materia che sostiene l'opera d'arte globale? Possono dirsi “spazio condensato”, il “tempo presente” e “materia ibrida” (analogico-virtuale)?
9) IL SALTO DI PARADIGMA: Che genere di cambiamento percettivo e cognitivo provoca l'opera d'arte globale? quale paradigma contemporaneo si riflette nelle pratiche dell’arte globale?

Il concetto di arte globale segue la diffusione globale delle interazioni umane, in particolare quelle collegate agli scambi virtuali. È una riflessione dell'uomo ubiquo che vive dentro e fuori gli scambi in tempo reale senza bisogno nè del territorio nè di materialità.

Derrick de Kerckhove
english questions: I would like to suggest that this discussion is guided by a few questions

1) REPRESENTATION: What influence does globalization have on art and on the representations of the world ?
2) EMERGENCE OF THE CONCEPT: Is this integration of art into globalization via networks producing a new kind of artistic expression ? Can it be called Global Art?
3) CONTEMPORARY SENSIBILITY: Is this emerging global art the artistic expression that reflects the sensibility of a globally contemporary connected society? Is Global Art a consequence of technological changes or sprouts from social desire for a new kind of sensibility in which identity, intelligence and consciousness are connective, distributed and extended?
4) GLOBAL-GLOCAL: How Global Art relates to Glocal realities? Is a physically situated global art work a kind of Glocal Art in the context of Global Art?
5) ART STRATEGIES: What are the artistic strategies carried out, how meaning is produced? Bottom-up? Top-down? Both?
6) ROLE OF SPECTATOR: Is still possible to talk about the spectator or the spectator has turned into a co-author in Global Art? Is Global Art the next phase of Net Art, a kind of extended Net Art into the analogical side of reality?
7) AUTHORSHIP: How is the issue of authorship in Global Art? Is it a kind of complex co-creation that reflects the very characteristics of interaction that comes from Web 2.0?
8) THE FEATURES OF GLOBAL ART: How is the kind of space, time, matter that sustains the global art work? Are these condensed space, the time of now and the hybrid (analogical-virtual) matter?
9) PARADIGMA JUMPS: What kind of perceptive and cognitive change does a global art work provokes? What contemporary paradigm is reflect in Global Art practices?

The concept of global art follows the global spread of human interactions, in particular those connected to virtual exchanges. It is a reflection of ubiquitous man who lives in and off real time negociations that need neither territory nor materiality

Derrick de Kerckhove

Read More...

Arte Globale - progetto connettivo - Napoli Nizza Barcellona/Bilbao

Museo Archeologico Virtuale (MAV) di ErcolanoFacoltà di Sociologia - Università degli Studi di Napoli "Federico II"Accademia di Belle Arti di Napoli

ARTE GLOBALE- Progetto connettivo
Convegno on-line
Nizza, Napoli, Barcellona/Bilbao città osservante
12 DICEMBRE 20089,00 / 20,00 h
Museo Archeologico Virtuale (MAV)
Via IV Novembre, 44 - Ercolano (Na)+39 081/198 06 511
Programma (IT) Program (F) Programme (S)
Visit the local sites: Nice Barcelona
http://www.globalhood.eu/

“Nel 1957, scrisse McLuhan, con lo Sputnik l’uomo ha racchiuso il mondo naturale in un contenitore e ha fatto della Terra un’opera d’arte”.L'orbita del satellite, che ci contiene tutti, estende l’essere umano nello spazio. Ricchi o poveri, viviamo la globalizzazione e ne siamo parte attraverso i telefoni cellulari ed i satelliti.Già da tempo, molte opere d'arte, con o senza l'ausilio delle nuove tecnologie, riflettono questa nuova dimensione del nostro essere. L’arte globale esprime una sensibilità nuova in cui identità, intelligenze e presenze di spirito sono interconnesse, distribuite e multiple.L’incontro tra quattro città sarà l’occasione per riflettere insieme sulle implicazioni teoriche e pratiche dell’arte globale e per interrogarsi sull’influenza che la condizione globale ha sull’arte e sulla rappresentazione del mondo. L’integrazione alla globalizzazione attraverso la rete è una nuova espressione artistica? Che cambiamenti percettivi e cognitivi può provocare l’arte globale?Che paradigma contemporaneo riflette?Arte Globale è la prima videoconferenza internazionale, con riflessioni teoriche, esibizioni artistiche e dibattiti sul concetto stesso di Arte Globale, che vedrà in contemporanea la partecipazione attiva di Napoli, Nizza e Barcellona, in collegamento tra loro e con Bilbao.
Derrick de Kerckhove
Programma
ARTE GLOBALE
Progetto connettivo
11 dicembre ore 18,30
Party inaugurale
Accademia di Belle Arti
Via Costantinopoli 107 - Napoli
12 dicembre
Museo Archeologico Virtuale (MAV)
Via IV Novembre 44 - Ercolano (Na)
9.00 – 10.00 h
Apertura ufficiale Presentazione del Pôle I.C.I. – Industries de la Créativité & InnovationVideoconferenza con tutte le città
Intervengono
Derrick de Kerckhove, Docente di Sociologia della cultura digitale - Università di Napoli “Federico II”
Olivier Eschapasse, Coordinatore del Pôle I.C.I.Alain Derey, Direttore di Villa Arson, Centre National d´Art Contemporain
Albert Marouani, Rettore dell’Università di Nice-Sophia Antipolis
Patrick Allemand, Vice Presidente del Conseil Régional, PACADidier Rochette, Direttore della Cultura al Conseil General des Alpes Maritimes
Imma Tubella, Direttrice dell’UOC - Università Oberta de Catalunya, Barcellona
Nino Daniele, Sindaco di Ercolano (Napoli)
Walter Ferrara, Direttore del museo MAV di Ercolano (Napoli)
Gianfranco Pecchinenda, Preside della Facoltà di Sociologia dell’Università degli Studi di Napoli “Federico II”
Giovanna Cassese, Direttrice dell’Accademia di Belle Arti di Napoli
10.00 - 11.30 h
Artisti, industria, territorio: che tipo di collaborazione incrociata? Convegni locali a Ercolano (Na), Nizza e Barcellona
11.30 – 12.15h
Videoconferenza on line
Confronto sui temi trattati nei convegni locali delle tre città sull’arte globale
12.15 – 13.30h
L’Arte Globale, realtà e miti
Convegni locali nelle tre città
Ercolano (Na)
Modera
Lello Savonardo, Docente di Teorie e tecniche dei nuovi media - Università degli studi di Napoli “Federico II”
Intervengono
Gianfranco Pecchinenda, Preside della Facoltà di Sociologia - Università degli Studi di Napoli “Federico II”
Derrick de Kerckhove, Docente di Sociologia della cultura digitale - Università di Napoli “Federico II”
Sergio Brancato, Docente di Sociologia della Comunicazione – Università degli Studi di Salerno
Luigi Amodio, Direttore Fondazione IDIS- Città della scienza ( Napoli)
Nizza
Modera Philippe Baudelot, curatore, ricercatore e programmatore in Digital Performance et Cultures.
Intervengono
Norbert Hillaire, Professore all’Università di Nizza, specializzato in arte digitale
Jean-Claude Moineau, critico d’arte e autore del libro “Contre l'art global”
Philippe Frank, critico d’arte e direttore di “Transcultures”
Barcellona
Modera
Pau Alsina, Direttore della rivista “Artnodes”
Antoni Mercader, Laboratori de Mitjans Interactius
Intervengono
Tere Badia, Ricercatrice, promotrice di “Disonancias Catalunya”
Laura Baigorri, Professoressa e ricercatrice alla Facoltà di Belle Arti di Barcellona
Rubén Martínez, Imprenditore, produttore d’ YProductions
Roc Pares, Artista, Istituto Universitario dell’Audiovisuale
Joan Leandre, artista, co-fondatore di OVNI (Observatori De Video No Identificat)
Rosa Pera, Curatrice, direttrice del Centro d’arte Contemporanea “Bòlit” di Girona
Pedro Soler, Direttore di “Hangar, Design Group”
13.30 – 14.00h
Videoconferenza on line
Confronto sui temi trattati nei convegni locali delle tre città sull’arte globale
14.00 – 15.30h
Pausa
Presentazione di opere artistiche
Videoconferenza on line
15.30 – 18.00 h
Atelier d’artistes/Laboratoires de R&D
Ercolano (Na)
Modera Derrick de Kerckhove, Docente di Sociologia della cultura digitale - Università di Napoli “Federico II”
Artisti e opere:
L’Essere Globale: Mediaintegrati coordinati da Franz Iandolo, Docente di Tecniche dei nuovi media integrati presso l’Accademia di Belle Arti
L’architettura dell’intelligenza: Giuseppe Stampone in collaborazione con progetto Solstizio e MLAL progetto mondo
Digital Ports: Franz Cerami
Nizza
Modera Philippe Baudelot, Digital Performances & Cultures
Artisti e opere
Azimuth Frédéric Allémany;
Locustream Jérome Joy/ Locus Sonus
Horizon Méditerranée Luc Martinez / Medialoft
Barcellona
Modera
Pau Alsina, Direttore della rivista “Artnodes” e Antoni Mercader, Laboratori de Mitjans Interactius
Artisti e opere
OVNI Joan Leandre
Roc Pares, Instituto Universitario del Audiovisual (IUA)
18.00 – 18. 30 h
Il Web, il nuovo territorio per gli artisti in Canada – Esperienze della Société des arts technologiques - SAT di Montréal (
http://www.sat.qc.ca/)
René Barsalo, on line dalla SAT di Montreal
18.45 – 19.00 h
Interventi di sintesi
Derrick de Kerckhove
Olivier Eschapasse
19.00 – 20.00 h
Presentazione di progetti industriali – Region PACA (FR)
Alcune imprese della Région Provence-Alpes-Côte d’Azur (PACA) presentano le proprie attività con progetti o tecnologie che si inseriscono in una duplice prospettiva di innovazione tecnologica e di ricerca scenica e/o estetica.
Modera
Olivier Echapasse
Intervengono
New Wave Labs
UAC Labs
Le Théâtre Bulle Benoit Collardelle

Arte Globale
Informazioni Generali
Coordinamento generale del progetto:
Derrick de Kerckhove
Professore di Sociologia della cultura digitale presso l’Università degli Studi di Napoli “Federico II” e Docente al McLuhan Program - Università di Toronto
Olivier Eschapase
Coordinatore del Pôle I.C.I.
Equipe di Napoli
Direttore scientifico: Lello Savonardo
Direttore Artistico : Franz Iandolo
Coordinatrice organizzativa: Titta Paparozzi
Direttore tecnico: Dario De Notaris
Direttore della promozione: Gino di Mare (M.A.V.)
Con il contributo da Bari di Mariella Fanizza e Maria Luisa Malerba
Equipe di Nizza
Coordinatore generale: Olivier Eschapasse
Alain Derey, Norbert Hillaire, Philippe Baudelot, Fred Alemany, Jérôme Joy, Luc Martinez, Philippe Maurin, Jean Louis Paquelin
Equipe di Barcellona
Coordinatore generale: John Zvereff
Direttore della comunicazione: Erick Hauck
Direttore artistico: Antoni Mercader Pau Alsina, Joan Leandre, Roc Pares
Con il contributo da Bilbao di Cristina Miranda de Almeida
Istituzioni promotrici nelle principali città coinvolte
Napoli: Facoltà di Sociologia - Università degli Studi di Napoli “ Federico II ”,Museo Archeologico Virtuale (MAV) di Ercolano - Accademia di Belle Arti di Napoli
Nizza: Villa Arson - Centre National d´Art Contemporain, Pôle I.C.I. - Industries de la créativité & Innovation, ESRA – Ecole Supérieure de Réalisation Audiovisuelle - Nizza
Barcellona: Università Oberta de Catalunya - Barcellona
Istituzioni promotrici a Bilbao
Facoltà di Belle Arti - Università del Paìs Vasco/Euskal Herriko Unibertsitatea e BilbaoArte
Artisti e opere
Napoli:
Mediaintegrati Laila Finale, Salvatore Gaudiello, Harmony Ranieri, Alba Fagnano, Mimmo Marino, Paolo D'arco, Valerio Veneruso, Gianmaria Troiano, Mario Vezza, Maria Vitagliano, Celesta Bufano, coordinati da Franz Iandolowww.mediaintegrati.itOpera esposta - Essere Globale: una ricerca del team mediaintegrati, un’indagine sul corpo, su cosa è oggi e su come è rappresentato. Il web rappresenta un luogo virtuale che mette in scena il modo in cui si è evoluto il nostro corpo. L’Opera è un omaggio a fluxus e una citazione del lavoro di Nam June Paik sin dal titolo “flux conveyor” – Essere Globale, un convogliatore di flussi, appunto, dove per flussi si intende i milioni di foto immesse dagli utenti in rete e convogliati come in un imbuto nei 33 monitor che formano l’opera, così da formare negli occhi dello spettatore un corpo cangiante, sempre differente, assolutamente sorprendente. Ogni televisore/monitor descrive una parte anatomica con immagini, video, disegni, spot, di pezzi di corpo presi esclusivamente dal web, così poi da formare nell’insieme un uomo fatto da centinaia di migliaia di corpi diversi offrendoci una visione più complessa della figura umana che trascende la singola esperienza personale
Giuseppe Stampone in collaborazione con Progetto Solstizio e MLAL Progetto Mondo, Alberto Abruzzese, Franco Speroni, Mario Pireddu, Marina Palombaro, Luisa Valeriani e con la collaborazione dell’ Isola Sardinia di Second Life e le musiche di Julia KentOpera presentata - L’Architettura dell’intelligenza: L'opera è una piattaforma globale di social network interconnessa con i mondi liquidi e fisici con cui è possibile interagire e relazionarsi. Differenti modalità di accesso rendono la struttura aperta alle collaborazioni e cooperazioni che intervengono a modificare la forma iniziale verso un'esperienza. Le esperienze che nascono nei diversi luoghi del nostro mondo attuale diventano, connettendosi, modi di percepirsi e definire un'estetica dei nuovi media. E' uno spazio disponibile alla cooperazione, alla dislocazione di azioni che vengono a loro volta a coprire più social network.. Quindi, un piattaforma aperta che conserva, come tutte le piattaforme una storia lunga che racconta degli altri, distanti e spesso sconosciuti. Attraverso l'interazione tra arte e didattica supportate dai new media a rendere sensibili i territori alle problematiche del nostro tempo. La piattaforma è composta da diverse strutture relazionate tra loro: www.progettosolstizio.net, www.giuseppestampone.net, www.acquerelli.org,
http://slurl.com/secondlife/solstizio/146/123/23/
Franz Cerami Opera presentata – Digital Ports: Tre porti del Mediterraneo raccontati in una unica installazione digitale attraverso il linguaggio del picture in picture. Ogni porto raccontato attraverso un gioco di linee grafiche che permette di suddividere lo schermo in differenti porzioni dove contemporaneamente girano contenuti di grafica 3d, fotografie, riprese video. Digital Ports rappresenta una grande metafora dello spostamento, del viaggio, dell'incontro tra corpi digitali nella rete digitale del Mediterraneo. L'unione delle tre città attraverso i racconti dei viaggiatori della rete del Mediterraneo. L'interfaccia di navigazione della Mappa Digitale di Digital Ports è una Mappa tridimensionale dove sono evidenziati dei punti luminosi ed ogni punto luminoso rappresenta il punto di partenza di un viaggio. I viaggi sono le Mappe Mentali che ogni viaggiatore disegna della città prescelta. Sono mappe personali, che si sono modificate ed arricchite delle proprie esperienze , del proprio modo di leggere il territorio, dell'incontro con i suoi abitanti, usi, abitudini, luoghi. Facce mediterranee, facce straniere nel mediterraneo, pensieri diversi, corpo proiettati nella rete del mediterraneo. Porti Digitali. Digital Ports è la metafora degli antichi porti del Mediterraneo. Oggi il porto contemporaneo è la rete, è internet.www.franzcerami.blogspot.com
Nizza:
Azimuth di Frédéric Allémany y Locustream
Locus Sonus di Jérome Joy
Barcellona:
OVNI Joan Leandre
Roc Pares
Si ringraziano:Mediaintegrati per il Logo “Global Art”Eliana Tilocca per il Logo “Flux col mondo”Annalisa Buffardi -Francesco Mezzullo Galleria Z20 - Sara Zanin – Roma Galleria Michela Rizzo - Venezia -Salvatore de Blasio e n.r.c.base1
Come partecipare:
I luoghi scelti per la partecipazione sono:
Nizza: Villa Arson, Centre National d´Art Contemporain
Napoli: Museo Archeologico Virtuale (MAV), Ercolano
Barcellona: Universitat Oberta de Catalunya
Bilbao: BilbaoArte
L'evento può essere seguito in streaming tv sul sito web:www.globalhood.info
Trasporti: alle 8,30 e alle 9,45 del 12 dicembre è prevista una navetta che parte da Piazza Garibaldi di Napoli nei pressi dell’Hotel Terminus in direzione MAV e che da Ercolano rientra a Napoli a fine convegno

Read More...

09/12/08

week Roma design+. Seminario - New media design_Comunicazione vs interazione

comunicato : new media design.pdf

"pixellust” - by Chi5 Shenzhou in Arena exhibitions 2008 (foto by arco Rosca)


Convegni e Seminari
New media design_Comunicazione vs interazione
A cura di Paolo Valente in collaborazione con uqbar.media art culture

Ex Gil , Largo Ascianghi n°5 , Roma Sala Moretti
11 Dicembre
h.1820

Il rapido sviluppo che i nuovi media e l’era del web 2.0 stanno portando nel mondo della comunicazione lascia intravedere possibilità del tutto nuove, come alcune interessanti forme espressive dove l’interazione tra forma e contenuti raggiunge standard molto alti e sorprendentemente “adatti” al nostro vivere contemporaneo. Un incontro tra i diversi attori in campo che, presi nei rispettivi mondi - virtuale - artistico - culturale - professionale, cercherà di restituire lo stato dell’arte di un fenomeno in piena evoluzione.

Partecipano: Carlo Infante (performing media) - Fabio Fornasari (Rinascimento Virtuale) - Mario Savini (extrart ) - Marina Bellini (musei di Roma 2.0) - Rosanna Galvani (aka Roxelo Babenco, uqbar.media art culture) - Monica Scanu e Andrea Genovese (Master in Cultural Experience Design and Management )

L’incontro si svolgerà contemporaneamente nella sede di uqbar.media art culture in second life
(http://slurl.com/secondlife/Experience%20italy%20NW/128/128/37)slurl
di seguito info su Week Rd+ :


Week Rd+ è la rassegna che torna dal 10 al 18 Dicembre, nello Spazio Ex Gil_Largo Ascianghi 5, per la sua sesta edizione. La manifestazione promuove e valorizza la cultura del design aprendosi al confronto con scenari internazionali. Con 8 giorni di mostre, conferenze, vernissage, performance per promuovere l’attività e l’innovazione del design. La rassegna coinvolge le imprese, le università, le istituzioni, i professionisti e il grande pubblico a dimostrare che il design è fattore di innovazione e sviluppo.

Week Rd+ è promossa dalla Sapienza Università di Roma – Sezione Arti, Design e Nuove Tecnologie del dipartimento ITACA e Corsi di Laurea in Disegno Industriale - con l’Amministrazione Provinciale di Roma e la Camera del Commercio di Roma; sono partner dell’iniziativa l’Assessorato alla Cultura Spettacolo e Sport e l'Assessorato all'Istruzione diritto allo studio e formazione della Regione Lazio, l’Assessorato alla Cultura del Comune di Roma e AT Lazio spa.
Con il patrocinio del Ministero dell'Università e della Ricerca, Ministero per i Beni e le Attività Culturali, Ministero per lo Sviluppo Economico, ADI Nazionale_Associazione per il Disegno Industriale, Ordine degli Architetti, Pianificatori e Paesaggisti di Roma e Provincia, AIAP Associazione Italiana Progettisti comunicazione visiva.

Read More...

06/12/08

week Roma Design+. 10-18 dicembre. Roma

Mostre, workshop, seminari, convegni e performance per la sesta edizione della settimana del design a Roma (programma)

Week Rd+, la rassegna internazionale che promuove e valorizza la cultura del design a Roma, torna dal 10 al 18 Dicembre con un ricco palinsesto di iniziative che coinvolgono le imprese, le università, le istituzioni, i professionisti e il grande pubblico a dimostrare che il design è fattore di innovazione e sviluppo.
Con la mostra D.A.SDesigner After School, si presentano prodotti realizzati , in produzione o in fase di ingegnerizzazione di giovani usciti dal sistema formativo nazionale; si indagano vari campi del design di le ultime forme espressive, si esplorano le possibilità di materiali e tecnologie di trasformarsi in prodotti innovativi per i bisogni dell’uomo contemporaneo.
Con i Seminari si evidenziano le sfide che interessano il design nel mercato globale, si confrontano le capacità della progettazione di fornire contributi all’innovazione del sistema produttivo e si verificano le possibilità di modificare comportamenti e relazioni sociali. Workshop e performances coinvolgeranno poi il pubblico in spazi aperti e interattivi.

Nel corso della manifestazione, sarà presentato il calendario delle attività che la Sapienza attraverso Roma design più svolgerà nel 2009, nell’Anno Europeo della Creatività e dell’Innovazione, in relazione alle varie forme espressive del design.

TEMA
Design is everywhere è il fil-rouge dell’edizione 2008.
Il tema esprime una nozione di design riferito al progetto dell’artificiale - sia di quello materiale che di quello immateriale - che caratterizza il flusso di prodotti che ci circonda.

LOCATION
La Location principale degli eventi di Week Rd+ è il prestigioso spazio dell’edificio Ex Gil in Largo Ascianghi a Roma, progettato da Luigi Moretti, maestro dell’architettura razionalista. L’edificio è stato recentemente ristrutturato ed adibito a spazio espositivo.
Altre locations e itinerari
Design In Rete - manifestazione che investe tutta la città mettendo a sistema quanto accade a Roma dal 10 al 18 dicembre sul design e sulle arti visive - disegna un viaggio negli eventi che la città propone sui temi della cultura progettuale e creativa.
COORDINAMENTO
Tonino Paris

COMITATO SCIENTIFICO
Arturo dell’Acqua Bellavitis (Triennale di Milano), Andrea Granelli (Direttore scientifico Domus Academy), Chantal Haimade (Direttore Intramuros), Justin Mc Guirk (Direttore ICON), Ron Arad (Designer), Denis Santachiara (Designer), Victor Lo (Hong Long).

PROMOTORI e Partners
Week Rd+ è promossa dalla Sapienza Università di Roma – Sezioni Arti, Design e Nuove Tecnologie del dipartimento ITACA e Corsi di Laurea in Disegno Industriale - con l’Amministrazione Provinciale di Roma ; sono partner dell’iniziativa l’Assessorato alla Cultura Spettacolo e Sport della Regione Lazio e l’Assessorato alla Cultura del Comune di Roma.

PATROCINI
Ministero dell’Università e della Ricerca, Ministero per i Beni e le Attività Culturali, Ministero per lo Sviluppo Economico, ADI Nazionale_Associazione per il Disegno Industriale, Ordine degli Architetti, Pianificatori e Paesaggisti di Roma e Provincia.

Ufficio Stampa e Comunicazione:
Sapienza
Università di Roma
T (+39) 06 49910035/0034 F (+39) 06 49910399
stampa@uniroma1.it romadesignpiu@uniroma1.it

Read More...

03/12/08

Oblong's g-speak: the 'Minority Report' OS brought to life

Read More...

02/12/08

Joker è stato qui, sei stato nominato Giuseppe Stampone

Read More...